Riportare RAWA, 10 AG statali dirigono l’amministrazione Trump tramite lettera

Proprio quando pensavi che RAWA, il Restoration of America’s Wire Act, fosse al suo ultimo respiro, 10 procuratori generali dello stato degli Stati Uniti stanno resuscitando la misura che riporterebbe il Wire Act del 1961 alla sua interpretazione originale.

La posizione di Donald Trump sul gioco d’azzardo online potrebbe non essere ancora del tutto chiara, ma questi AG statali la stanno mettendo alla prova.

L’ultima incarnazione della spinta politica di Sheldon Adelson per vietare il gioco d’azzardo online a livello federale arriva sotto forma di una petizione, consegnata all’imminente amministrazione Trump questa settimana e firmata da detti AG.

La lettera, indirizzata all’Onorevole Vicepresidente eletto Pence e al team di transizione di Trump, fa le stesse richieste del precedente Restoration of America’s Wire Act.

Protezioni vitali

“Nel buio della notte di Natale 2011, l’amministrazione Obama ha annullato 50 anni di pratica e precedenti quando un parere dell’Ufficio del consulente legale del Dipartimento di Giustizia (DOJ) ha affermato che il Wire Act si applicava solo alle scommesse sportive”, inizia la lettera.

“Tornando all’interpretazione originale del Wire Act, l’amministrazione Trump coglierà un’opportunità per ripristinare lo stato di diritto e ripristinare le protezioni vitali per le nostre comunità”.

La decisione del DOJ è stata effettivamente determinata nel settembre del 2011, ma è stata resa pubblica solo pochi giorni prima di Natale.

Il cambiamento di politica ha aperto la porta alla legalizzazione del gioco d’azzardo su Internet stato per stato, semplicemente stabilendo che l’originale Wire Act non ha affermato esplicitamente che tutte le forme di gioco d’azzardo su Internet erano illegali. Certo, non avrebbe potuto, dal momento che il gioco d’azzardo online era ancora lontano 36 anni dalla sua nascita al momento della prima stesura della legge.

Adelson tiene il peso con Trump?

Nonostante sia stato un tempo un giocatore nel settore dei casinò, sappiamo molto poco della posizione personale di Trump sul gioco d’azzardo online, ma Pence, un fedele conservatore cristiano, che una volta ha affermato di non aver mai comprato un biglietto della lotteria, è politicamente contrario.

Adelson ha sostenuto Trump nelle elezioni presidenziali, ma sembrava mantenere una certa distanza, donando in realtà solo $ 10 milioni di un impegno iniziale di $ 100 milioni ai super PAC che sostengono la campagna presidenziale di Trump.

Resta da vedere se il super-donatore repubblicano abbia sborsato abbastanza soldi per comprare un serio capitale politico dal presidente eletto.

Un’elezione che Adelson ha messo dietro il suo peso finanziario è stata quella di Adam Laxalt, AG del Nevada, che ha ancora una volta rischiato l’ira del governatore del suo stesso stato, Brian Sandoval, tentando di minare l’industria del gioco d’azzardo online del Nevada, vecchia di tre anni e mezzo. .

Sandoval, lui stesso un ex AG statale, ha espresso la sua rabbia per il modo in cui qualcuno che pretende di rappresentare gli interessi legali dello stato avrebbe “parlato contro l’attuale legge statale nel nostro settore leader”.

Anche i procuratori generali di Louisiana, Michigan, Nebraska, North Dakota, Oklahoma, South Carolina, South Dakota, Texas e Utah hanno aggiunto i loro nomi alla petizione. Ma con l’economia, il terrorismo, le questioni razziali e un paese che aspetta con il fiato sospeso per vedere come gestirà le cose un completo non politico, è dubbio che i primi 100 giorni di Trump lo vedano all’ordine del giorno.

Lascia un commento