Rapina da 6.1 milioni di dollari al Wynn Macau richiede il divieto di gioco per i dipendenti del casinò

Il furto di $ 6.1 milioni di fiches del casinò dal Wynn Macau ha rinnovato le richieste del regolatore locale del gioco per bandire i dipendenti del casinò dalla sala di gioco quando sono fuori servizio.

Paulo Martins Chan, direttore del Gaming Inspection and Coordination Bureau, ha dichiarato ai media locali che il crimine è stato un “incidente isolato” e che “non avrebbe avuto un impatto significativo sull’immagine di Macao”. Eppure ha anche sostenuto che i dipendenti del casinò erano a maggior rischio di dipendenza dal gioco d’azzardo, e quindi ha sostenuto un divieto di gioco per i dipendenti.

Giovedì scorso, la polizia giudiziaria della città ha arrestato due uomini in relazione a un furto di trucioli, uno dei quali si ritiene sia uno spacciatore nella sala VIP della proprietà, identificato solo dal suo cognome, Lei.

Ma sembra che Lei fosse effettivamente in servizio quando ha riempito una borsa piena di fiches incassabili di alto taglio ed è uscito dal casinò nelle prime ore del 16 gennaio.

Multe per i lavoratori del casinò fuori servizio

Chan ha detto che presto presenterà una proposta al Consiglio Esecutivo di Macao per vietare a tutti i lavoratori dei casinò da tutti i piani di gioco di Macao al di fuori dell’orario di lavoro, non solo nello stabilimento in cui sono impiegati.

La proposta probabilmente farà eco alla richiesta del regolatore dello scorso settembre di multare i lavoratori di $ 125 se rilevati in un casinò di Macao durante le ore vietate. Il personale non direttamente coinvolto nelle operazioni di gioco, come i server di cibo e bevande, non sarebbe incluso nel divieto.

Secondo il database del Sistema di registro centrale degli individui con disturbo da gioco d’azzardo di Macao, i rivenditori di casinò e gli operatori del settore dei giochi costituiscono la maggior parte dei residenti in cerca di aiuto. Circa il 13.6% di tutti coloro che sono stati registrati nel database nel 2016 si è descritto come “rivenditori di casinò”.

Mancano ancora le patatine

La scorsa settimana un portavoce della polizia ha detto che Lei ha ammesso il furto ma si è rifiutato di rivelare dove si trovasse una quantità non rivelata di chip. Ha detto alla polizia che era stato un forte giocatore d’azzardo da quando era un adolescente ed era indebitato.

Dato che le fiches possono essere riscattate solo al Wynn Macau, chiunque le abbia attualmente nella propria posizione dovrebbe incassarle in piccole quantità per un lungo periodo di tempo, mescolandole con fiches legalmente acquisite per evitare di destare sospetti.

È anche possibile che i chip siano stati scambiati con denaro contante attraverso il sistema bancario sotterraneo di Macao, probabilmente a un valore ben al di sotto del valore nominale.

Nel frattempo, la polizia ha organizzato un’esercitazione di rapina a mano armata al Galaxy Macau martedì mattina per testare le proprie capacità di risposta di fronte a un grave incidente violento, come il massacro di Las Vegas del 1 ottobre.

Quasi 350 persone hanno preso parte alla simulazione, che ha coinvolto criminali armati che prendevano ostaggi mentre minacciavano di far esplodere un ordigno esplosivo.

La polizia ha dichiarato in un comunicato stampa di essere “soddisfatta” dei risultati dell’esercizio.

Lascia un commento