Permesso di rilascio dei regolatori della Florida per il nuovo casinò Jai Alai nel centro di Miami

I residenti di Miami potrebbero presto godersi un nuovo casinò, anche se non avrà tutto lo sfarzo e il glamour di un resort di Las Vegas. Il Florida Department of Business and Professional Regulation ha rilasciato martedì un permesso di jai alai estivo, aprendo la strada alla costruzione di una nuova struttura per il gioco d’azzardo su Biscayne Boulevard nel quartiere di Edgewater.

Il permesso copre una proprietà di sette acri, che copre diversi isolati della città in un quartiere appena a nord del centro della città.

Il permesso di Jai Alai consente la sala da poker

Un permesso jai alai estivo potrebbe non sembrare particolarmente eccitante, ma secondo il sito web Politica della Florida, sono una risorsa ambita nel sud della Florida. Ricevendone uno, un operatore non solo può organizzare eventi jai alai, ma sarà anche autorizzato ad aprire almeno una sala da poker e offrire scommesse simulcast.

Il permesso è stato rilasciato alla West Flagler Associates, società controllata dalla stessa famiglia, gli Havenicks, che già gestisce altri due luoghi di gioco: il Magic City Casino di Miami e il Naples-Fort Myers Greyhound Racing & Poker a Bonita Springs.

“Siamo molto felici e non vediamo l’ora di assumere persone e creare un posto nuovo nel centro di Miami”, ha detto il portavoce della famiglia Izzy Havenick a Florida Politics in un’intervista telefonica.

Il permesso pone fine a un lungo periodo di incertezza che circonda la sede. A West Flagler era stata precedentemente negata la sua domanda, ma il 1st La Corte d’Appello distrettuale ha annullato tale decisione, ordinando la reintegrazione della domanda lo scorso anno.

Secondo Havenick, la proprietà potrebbe impiegare 300 o più persone e offrire jai alai e poker, oltre a servizi tra cui un luogo di intrattenimento e un ristorante.

Questo è tutto ciò che la nuova struttura potrebbe offrire, almeno per ora. Un permesso jai alai estivo consente solo il gioco d’azzardo su questo sport tra il 1 maggio e il 30 novembre. Inoltre, l’attuale legge della Florida consentirebbe al locale di aprire una sala da poker un giorno dopo la prima partita di jai alai.

Tuttavia, il permesso non consentirebbe a West Flagler di ospitare slot machine nel complesso e, almeno per ora, non esiste un percorso chiaro per l’azienda per aggiungerle in futuro. Solo i casinò gestiti dalla tribù Seminole e gli ippodromi con scommesse parimutuel nelle contee di Broward e Miami-Dade possono offrire slot secondo l’attuale legge statale, e i recenti sforzi per offrire un gioco d’azzardo esteso in Florida sono falliti.

Resuscitare uno sport morto o sperare in qualcosa di più?

Jai alai in sé potrebbe non sembrare un grande business in questi giorni, ma c’è stato un tempo in cui era un’enorme attrazione, non solo in Florida, ma in molte altre parti degli Stati Uniti. Il gioco dal ritmo veloce ha attirato grandi folle fino all’inizio degli anni ‘1980, ma è in declino da decenni e ora attira pochissimi scommettitori.

Secondo il vicepresidente per gli affari politici di West Flagler Isadore Havenick, tuttavia, la compagnia non sta usando il suo permesso solo come un modo per creare un casinò in un quartiere redditizio.

“Pensiamo di poter rendere di nuovo jai alai divertente ed eccitante e fare cose che attireranno l’interesse della gente”, ha detto Havenick al Miami Herald l’anno scorso.

Ma altre aziende della zona sono scettiche, sospettando che l’obiettivo finale sia trasformare il complesso in un vero e proprio casinò.

“Jai alai è stato uno sport morto qui per sempre”, ha detto all’Herald il proprietario di una concessionaria di auto locale Norman Braman. “Questo non si ripagherà da solo.”

Lascia un commento