Penn National Pinnacle Entertainment Buyout innesca la seconda revisione della Federal Trade Commission, preoccupazioni per il monopolio in gioco

L’acquisizione di Pinnacle Entertainment da 2.8 miliardi di dollari da parte di Penn National Gaming dovrebbe ancora essere completata nella seconda metà del 2018, ma una seconda richiesta di “informazioni aggiuntive e materiali documentari” da parte della Federal Trade Commission (FTC) degli Stati Uniti minaccia di ritardare il processo di acquisizione.

Nei documenti depositati questa settimana con la Securities and Exchange Commission (SEC), Penn National ha rivelato che la FTC deve ancora concludere che il suo acquisto di Pinnacle non violerà le leggi antitrust, che impongono che le società che si fondono “non influenzino negativamente il commercio statunitense”.

Durante l’annuncio dell’acquisizione a dicembre, il CEO di Penn National, Timothy Wilmott, ha ammesso che l’allineamento avrebbe probabilmente innescato una lunga revisione della FTC.

“Questa è stata una transazione a quattro parti molto complessa e abbiamo esaminato in modo olistico l’accordo e ciò di cui avevamo bisogno [per] gestire l’approvazione normativa a livello statale e federale”, ha spiegato l’amministratore delegato.

Per ridurre i problemi di monopolio, Pinnacle ha accettato di vendere quattro delle sue proprietà a Boyd Gaming per $ 575 milioni. I casinò includevano l’Ameristar Kansas City e l’Ameristar St. Charles del Missouri, il Belterra Casino nell’Indiana e il Belterra Park nell’Ohio.

L’acquisto di Penn assicura le altre 12 proprietà di Pinnacle, che sono sparse in Colorado, Indiana, Iowa, Louisiana, Mississippi, Missouri, Nevada e Pennsylvania.

Preoccupazioni per il monopolio regionale

Se l’acquisizione dovesse andare a buon fine, Penn National emergerà con 41 proprietà totali in 20 giurisdizioni in Nord America. La società gestirà circa 53,500 slot machine e 1,300 giochi da tavolo e possiederà 8,300 camere d’albergo.

La società con sede in Pennsylvania ha affermato che “continuerà a cooperare pienamente con la FTC nella sua revisione della fusione”.

Penn non crede che la FTC alla fine bloccherà la vendita come ha fatto l’anno scorso con l’allineamento proposto dei pesi massimi di Daily Fantasy Sports (DFS) DraftKings e FanDuel. In quel caso, l’agenzia di regolamentazione ha stabilito che consentire l’unificazione delle due piattaforme online creerebbe un monopolio, poiché i siti sono responsabili del 90 percento di tutte le entrate DFS.

Penn National, insieme a Boyd Gaming, è uno dei più grandi operatori di casinò focalizzati sui mercati regionali. La sua assunzione di Pinnacle aumenterà solo il suo dominio nel settore.

Secondo la FTC, l’agenzia, insieme al Dipartimento di Giustizia (DOJ), esamina “la maggior parte delle transazioni proposte che interessano il commercio negli Stati Uniti e sono oltre una certa dimensione, e entrambe le agenzie possono intraprendere azioni legali per bloccare accordi che ritiene che ‘ridurrebbe sostanzialmente la concorrenza.’”

Odds Favore Approvazione

Nonostante la complessità della fusione, Penn National prevede di ricevere l’approvazione della FTC nei prossimi mesi.

Il CFO William Fair ha previsto nei documenti della SEC che il “calendario previsto per il completamento della fusione … si verificherà nella seconda metà del 2018”.

A parte DraftKings/FanDuel, la FTC non ha interferito con i recenti sindacati delle imprese di gioco. Alcune importanti fusioni di casinò regionali di recente includono la fusione da 1.7 miliardi di dollari di Eldorado Resorts con Isle of Capri Casinos e l’acquisizione da 850 milioni di dollari di American Casino & Entertainment da parte di Golden Entertainment.