Nevada Gaming afferma che i casinò non possono essere germogli di marijuana, approva la ristrutturazione di Caesars

La Nevada Gaming Commission (NGC) questa settimana ha spento ogni voce secondo cui il regolatore statale potrebbe allentare la sua posizione sulla marijuana ricreativa legalizzata.

I membri della Commissione hanno detto all’industria dei casinò di evitare qualsiasi relazione legata alla coltivazione della marijuana e di non tenere convegni o esposizioni che promuovono l’uso o la vendita di cannabis.

Nessun voto è stato preso sulla questione, ma il consiglio di NGC è stato d’accordo all’unanimità: basta dire no alla droga (indipendentemente dal fatto che sia considerata legale dalla legge statale).

“Non stiamo impostando la politica qui. Stiamo discutendo e interpretando la legge così com’è”, ha affermato il presidente di NGC Tony Alamo. “La marijuana è una droga della Tabella 1 che la rende illegale secondo la legge federale”.

Con gli elettori del Nevada che approvano la marijuana sia medica che ricreativa, la questione presenta varie preoccupazioni per i casinò in tutto lo stato più dipendente dal gioco d’azzardo del paese.

Sebbene le probabilità siano più lunghe di quanto Conor McGregor abbia sconvolto Floyd Mayweather questo fine settimana, il governo federale potrebbe intervenire legalmente, poiché la legge federale previene le leggi statali e locali in conflitto. Tuttavia, la NGC non sta correndo alcun rischio e imponendo ai suoi casinò di non sballarsi di marijuana.

Amici senza vantaggi

Mentre milioni di turisti e gente del posto consumano marijuana ricreativa, l’NGC afferma che i casinò devono fare del loro meglio per starne alla larga.

La discussione sulla politica della marijuana NGC è stata la prima di molte sulla droga appena legalizzata. Nelle riunioni future, il consiglio fornirà specifiche su come i licenziatari dovrebbero gestire i clienti che fumano erba all’interno delle camere d’albergo e al piano del casinò. Ma ecco un’anteprima: assicurati che nessuno stia consumando marijuana nelle proprietà del casinò.

La legge sulla marijuana ricreativa del Nevada consente solo il consumo privato. “Una persona che fuma o consuma marijuana in un luogo pubblico, in un negozio di marijuana al dettaglio o in un veicolo in movimento è colpevole di un reato”, afferma la legge del Nevada.

Approvata la ristrutturazione di Caesars

Argomenti meno interessanti sono stati anche presi in considerazione durante la riunione di NGC di giovedì, incluso il piano di Caesars Entertainment per uscire dalla bancarotta del capitolo 11.

Il Nevada Gaming Control Board ha approvato la riorganizzazione all’inizio di questo mese. L’NGC ha dato la sua benedizione alle entità di nuova costituzione e ha rilasciato nuove licenze.

Il nuovo accordo di Caesars è stato ora firmato in Nevada, New Jersey, Pennsylvania, Illinois, Maryland, Mississippi e Iowa. Rimangono solo due giurisdizioni, Louisiana e Missouri, e una volta approvato lì, Caesars sarà autorizzato a uscire ufficialmente dalla protezione fallimentare.