L’ex procuratore distrettuale degli Stati Uniti Preet Bharara si trasferisce da procuratore di poker ad autore di lavoro post-Trump

Preet Bharara, l’ex procuratore degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York, era responsabile del cosiddetto “Black Friday” del poker online nell’aprile del 2011. Ora, l’ex procuratore federale ha scritto un libro che descrive in dettaglio i suoi processi di carriera.

Sono passati quasi otto anni da quando il Dipartimento di Giustizia (DOJ) ha sequestrato i domini e le risorse dot-com dei siti di poker online PokerStars, Full Tilt Poker e Cereus (Absolute Poker/Ultimatebet). L’incriminazione di 52 pagine è il risultato dell’approvazione dell’Unlawful Internet Gambling Enforcement Act (UIGEA) che ha reso illegale per i processori di pagamento e le aziende facilitare le transazioni finanziarie relative al gioco d’azzardo online proibito.

Bharara ha accusato i siti di poker online di violare l’UIGEA e di consentire anche il riciclaggio di denaro. PokerStars e Full Tilt in seguito hanno raggiunto accordi con il Distretto Meridionale di New York e hanno riguadagnato i loro domini dot-com.

Fare giustizia

Nominato dall’ex presidente Barack Obama (D), il mandato di Bharara si è concluso dopo l’insediamento del presidente Donald Trump. L’ex proprietario del casinò diventato politico ha chiesto le dimissioni del procuratore distrettuale, ma era qualcosa che Bharara non era disposto a fare.

Trump ha ordinato all’allora procuratore generale Jeff Sessions di rimuovere tutti i 46 avvocati statunitensi nominati da Obama. Trump ha licenziato Bharara nel marzo 2017 dopo che si era rifiutato di andarsene di sua spontanea volontà.

L’ex procuratore federale ha pubblicato un libro che descrive in dettaglio la sua carriera. Facendo il giro dei media promuovendo “Fare giustizia: i pensieri di un procuratore su crimine, punizione e stato di diritto”, Bharara sta rivelando la sua turbolenta relazione con il 45esimo presidente degli Stati Uniti.

L’ufficio di Bharara stava indagando su Michael Cohen, l’avvocato personale di lunga data di Trump, quando il presidente lo chiamò nel marzo 2017.

Immagina come sarebbe ora se fossi ancora un procuratore degli Stati Uniti e si sapesse che ho avuto piccole chiacchiere tranquille con il presidente nello stesso momento in cui stavamo indagando su The Trump Organization e Michael Cohen”, ha spiegato Bharara questa settimana. “Non ho richiamato ed è stata una delle migliori decisioni che abbia mai preso”.

Cohen è stato condannato a tre anni in una prigione federale alla fine dello scorso anno dopo essersi dichiarato colpevole di nove reati tra cui evasione fiscale, contributi eccessivi alla campagna elettorale e dichiarazioni false a una banca.

Come sono cambiati i tempi

Il poker online è legale in quattro stati: Nevada, New Jersey, Delaware e Pennsylvania. Anche le scommesse sportive sono state liberalizzate dopo che la Corte Suprema ha annullato il divieto federale lo scorso maggio.

Mentre gli stati possiedono l’autorità per dettare le proprie leggi sul gioco d’azzardo online e sulle scommesse sportive per il momento, la recente reinterpretazione del DOJ del Wire Act rischia di minacciare questa realtà.

Lascia un commento