L’ex capo della polizia di Chicago in Mayoral Race Wants Casino presso O’Hare International

Il candidato sindaco di Chicago Garry McCarthy vuole un casinò all’aeroporto internazionale O’Hare. L’ex capo della polizia di Chicago ha detto al programma At Issue di WBBM-AM che un casinò in aeroporto sarebbe una grande fonte di guadagno per la città, senza nessuno degli aspetti negativi che un normale casinò urbano potrebbe portare.

L’ex capo della polizia di Chicago ha annunciato la sua intenzione di candidarsi a sindaco due settimane fa. Sfiderà il sindaco in carica Rahm Emanuel, l’uomo che lo ha licenziato nel 2015 sotto pressione politica in seguito alla sparatoria dell’adolescente nero Laquan McDonald da parte dell’agente di polizia di Chicago Jason Van Dyke.

Sindaco di O’Hare

Un casinò all’aeroporto è nelle carte da qualche tempo ed è stata una promessa elettorale di diversi sindaci precedenti, tra cui Emanuel. Ma negli ultimi anni la legislazione sui casinò si è rivelata un motore lento nella legislatura dell’Illinois.

Tuttavia, McCarthy rivedrà l’idea, ha detto questa settimana.

“Il problema con un casinò in città, a quanto mi risulta, erano tutti i problemi che provoca nella comunità. Che ne dici di mettere un casinò nell’aeroporto di O’Hare dove ora è per i viaggiatori che passano e non influenzerà la comunità, e chiunque ci vada deve passare attraverso la TSA?” disse McCarthy.

“Questo eliminerà il problema del lato negativo di non essere in grado di controllare ciò che accade, sai, che si tratti di criminalità organizzata, prostituzione, narcotici o qualunque cosa sia e, allo stesso tempo, genererà entrate”, ha continuato .

.“Quante persone passano da O’Hare e fanno scalo e devono stare sedute per ore e ore e ore?” chiese. “Se sono seduti a un tavolo di blackjack, ci saranno entrate generate.”

Il grande affare dell’Illinois

Il settore del gioco d’azzardo dell’Illinois è limitato ai casinò fluviali lungo il lago Michigan e il fiume Illinois. L’anno scorso, un disegno di legge che avrebbe creato licenze per casinò terrestri in sei regioni dello stato è stato annullato in legislatura.

Il disegno di legge faceva parte di un vasto piano di compromesso bipartisan per risolvere un’impasse di bilancio e alleviare i problemi economici dello stato. Soprannominato il “grande affare”, avrebbe stabilito un grande casinò resort a Chicago, così come slot machine a O’Hare e slot aggiuntivi nei casinò fluviali per compensare l’espansione altrove.

Ma il grande affare è naufragato al Senato. Il presidente di quella camera John Cullerton (D-Chicago) ha accusato il governatore dello stato Bruce Rauner di “intromettersi nel procedimento” e di dirottare l’accordo.

Nell’occasione il legislatore ha fatto approvare un disegno di legge che avrebbe creato un casinò di Chicago, nel 2012 è stato “dirottato” da un altro governatore, Patt Quinn.

L’allora governatore ha posto il veto alla misura, sostenendo che conteneva “scappatoie per i mafiosi”.