Le speranze del governatore del GOP della Georgia sono unite nell’opposizione al gioco d’azzardo

Potrebbero non essere stati d’accordo su molto, ma i quattro principali candidati repubblicani alla carica di governatore della Georgia erano all’unisono sulla loro opposizione ai casinò.

Sabato, partecipando a un forum elettorale, tutti e quattro i membri del quartetto della Georgia GOP hanno espresso il loro impegno a resistere agli sforzi per espandere il gioco d’azzardo nello Stato di Peach.

Il tenente governatore Casey Cagle, il segretario di Stato Brian Kemp, l’ex senatore Hunter Hill e il senatore Michael Williams hanno affermato che avrebbero posto il veto a qualsiasi disegno di legge che approvasse i casinò o qualsiasi tipo di gioco d’azzardo online.

I sostenitori di alcune misure di gioco d’azzardo hanno sostenuto che consentire l’attività offerta dalla maggior parte degli altri stati aiuterebbe l’economia statale. Hill non è d’accordo quando ha posto la domanda sull’argomento dicendo: “Stiamo andando bene senza gioco d’azzardo”.

Cagle è d’accordo e ha detto che ci sono altri modi per stimolare l’economia senza dover ricorrere a un’attività che la maggioranza delle persone nel suo partito si oppone con veemenza, molti adducendo ragioni morali.

GOP attivo nell’anti-gioco d’azzardo

Gli aspiranti governatori hanno fatto eco a ciò che un comitato statale per il GOP ha approvato ad agosto. L’organizzazione ha approvato a stragrande maggioranza una risoluzione ad agosto che si oppone ai casinò e alle corse di cavalli.

“Lo stato non dovrebbe avere un interesse acquisito in attività predatorie come il gioco d’azzardo per riempire le casse dello stato a spese di vite distrutte e famiglie distrutte”, si legge nella risoluzione del partito.

Una piccola vittoria è arrivata, tuttavia, per Daily Fantasy Sports, che è stato incluso nel documento originale contro il gioco d’azzardo, ma alla fine è stato tolto dalla bozza finale. Il rappresentante dello stato repubblicano Trey Kelley ha sostenuto che il DFS dovrebbe essere riclassificato in modo da non violare le restrizioni anti-gioco.

L’industria dei casinò pensava di avere un alleato nel GOP della Georgia quando John Watson è stato eletto presidente del partito a giugno. In precedenza aveva ricoperto molte posizioni pro-gaming e ha lavorato come lobbista per Boyd Gaming. Tuttavia, si è ricusato dal voto del partito, citando il suo potenziale conflitto di interessi.

Banconote repubblicane bloccate al cancello

Attualmente, i residenti della Georgia devono recarsi nella vicina Alabama o nella Carolina del Nord se vogliono giocare d’azzardo vicino a casa. Sia il Senato dello Stato che la Camera hanno introdotto una legislazione per cambiare questa situazione, ma entrambi i conti del casinò sono stati abbattuti piuttosto rapidamente.

Il senatore dello stato repubblicano Brandon Beach ha visto il suo SB 79 non riuscire a uscire dal Comitato per le industrie regolamentate del Senato, uccidendolo di fatto a febbraio. Ha detto ai sostenitori che non era scoraggiato e che avrebbe cercato di ottenere supporto per un’altra versione del disegno di legge entro la fine dell’anno, preparandolo per la reintroduzione nel 2018.

Allo stesso modo, il deputato di stato Ron Stephens, anche lui repubblicano, ha visto il suo HB 158, che ha istituito un quadro normativo per i casinò, non riuscire ad arrivare alla Camera per un voto.

Hanno anche avvertito delle carenze di bilancio che interessano quei programmi e hanno affermato che un po’ più di gioco d’azzardo potrebbe essere una polizza assicurativa per questi programmi se una futura crisi monetaria dovesse avere un impatto sullo stato.