Le quote del British Open favoriscono Dustin Johnson e Jordan Spieth, mancino fuori dai primi 10

Il British Open inizia giovedì al Royal Birkdale di Southport, in Inghilterra, ed è un cast familiare che sta ricevendo il massimo punteggio nelle scommesse sportive di Las Vegas.

Per il terzo major consecutivo, Dustin Johnson, il miglior giocatore al mondo, ha le quote più basse. Ma sul 12-1, è un po’ lungo rispetto alle sue linee al Masters e agli US Open.

Un’estate deludente ha portato gli oddsmaker ad allungare la fila di DJ, e questo è probabilmente uno sviluppo interessante per molti scommettitori in Nevada. Anche Jordan Spieth, che ha vinto ai Travellers all’inizio del mese scorso, è a 12-1, secondo il Westgate SuperBook.

Il campione del Masters Sergio Garcia, il favorito dei fan Ricky Fowler e la stella in erba Jon Rahm completano la top five con le loro probabilità di 15-1.

L’ultimo Open Championship al Royal Birkdale è tornato nel 2008 quando Padraig Harrington ha vinto la sua seconda Claret Jug consecutiva. L’impresa è arrivata un anno dopo che Paddy è diventato un grande campione a Carnoustie. Questa settimana, Harrington è a 125-1.

L’Open, la più antica delle quattro major, risale al 1860.

Rivincita Mickelson-Stenson? Le probabilità dicono di no 

L’Open 2016 è stato uno dei più grandi duelli nella storia del torneo. Henrik Stenson e Phil Mickelson sono entrati domenica separati da un solo colpo, con il loro concorrente più vicino cinque indietro.

Divenne subito evidente che la giornata sarebbe stata una corsa a due cavalli. Quando hanno raggiunto il quinto tee, erano in parità a -14 e nove colpi di vantaggio sul terzo. Stenson ha continuato a tirare 63 contro i 65 di Mickelson e ha vinto a -20, un punteggio record.

Avanti veloce fino ad oggi, e gli scommettitori a quanto pare non hanno molta fiducia in un altro vincitore consecutivo a Birkdale. Il SuperBook ha Stenson a 25-1.

Per il 2017, Mickelson è a 30-1 per vincere il suo secondo Claret Jug. Sarà il suo primo major con il fratello Tim sulla borsa, dopo aver terminato la sua lunga relazione con Jim “Bones” Mackay il mese scorso.

Scommettitori che leccano le costolette

Le quote del British Open presentano molte opportunità per gli scommettitori disposti a correre qualche rischio.

Una frase allettante viene da Rory McIlroy. Un tempo favorito perenne ai major, il vincitore dell’Open 2014 è 20-1. Ora classificato 4 al mondo, McIlroy è senza vittorie nel 2017. Hideki Matsuyama, il secondo giocatore di golf classificato e il secondo classificato agli US Open del mese scorso, è anche a 20-1.

Il potente gioco del campione degli US Open Brooks Koepka potrebbe non prestarsi al link golf, dato che è a 30-1 per vincere il suo secondo major in altrettante mete.

Per quanto riguarda i tiri lunghi, Long John Daly ha trovato per la prima volta il cerchio del vincitore al Champions Tour all’inizio di quest’anno. Ma non aspettarti che sia vittorioso questa settimana. Il vincitore dell’Open 1995 è a 1000-1.

Le quote più alte (3000-1) sono sul 59enne Sandy Lyle, il vincitore dell’Open del 1985 che sta usando il suo penultimo anno di ammissibilità (i precedenti campioni di età pari o inferiore a 60 anni si qualificano automaticamente).