La vittima di una sparatoria a Las Vegas fa causa a MGM, Gunman’s Estate e produttore di bump stock nella prima causa post-tragedia

Paige Gasper, sopravvissuta alla sparatoria di massa della Route 91 Harvest Festival di Las Vegas, sta prendendo l’iniziativa di intentare una causa contro le aziende che ritiene siano in colpa per aver permesso all’autore Stephen Paddock di eseguire l’attacco con arma da fuoco più mortale nella storia moderna degli Stati Uniti.

MGM Resorts International, insieme ad altre società che Gasper ritiene siano implicate nell’incidente avvenuto il 1 ottobre fuori dalla proprietà di Mandalay Bay, il capo della MGM, è citato nella causa.

Altri anche incolpati

Gli imputati elencati nel contenzioso includono anche la tenuta del tiratore Stephen Paddock e gli organizzatori di eventi Live Nation. Inoltre, viene nominato Slide Fire Solutions, il produttore di bump stock che Paddock avrebbe usato per convertire le sue armi semiautomatiche in armi quasi automatiche.

Secondo la causa, Gasper è stata colpita da un proiettile che “è entrato nell’ascella destra, ha attraversato il tessuto del seno destro, ha rotto le costole e le ha lacerato il fegato prima di uscire dal lato destro”. Gli amici l’hanno aiutata a mettersi in salvo, e in seguito è stata portata al pronto soccorso da un buon samaritano. Attualmente si sta riprendendo da diversi interventi chirurgici in un ospedale della California.

La madre di Gasper, Heather Selkin, ha detto ai giornalisti durante una conferenza stampa mercoledì che il denaro non è la loro forza trainante. È arrivata ben preparata con il suo arsenale di parole accuratamente congegnate per spiegare i motivi della causa.

“Un momento nostra figlia cantava sotto la luna del deserto, e il momento successivo si aggrappava alla speranza di vedere l’alba successiva”, ha affermato Selkin.

Una pagina GoFundMe per Paige in cerca di $ 4,500 è stata prontamente finanziata la scorsa settimana.

L’avvocato Michelle Tuegel, anche lei parte del team legale di Gasper, ha chiesto perché la MGM non si fosse accorta che un ospite stava installando una telecamera di sorveglianza nello spioncino della sua suite, che era solito vedere quando le guardie di sicurezza dell’hotel e la polizia si stavano avvicinando.

Non uno Slam Dunk

Gli avvocati di Gasper non hanno deciso un importo specifico per il risarcimento monetario, affermando che è troppo presto per quantificare i danni. Gli esperti legali, tuttavia, non sono così sicuri che la MGM e gli altri nominati saranno effettivamente coinvolti quando il caso sarà discusso.

Timothy Lytton ha detto alla Georgia State University Il New York Times questa settimana che i querelanti dovranno dimostrare che MGM e Live Nation sono stati negligenti riguardo alla sicurezza. Per quanto riguarda il produttore di bump stock, Lytton ha affermato che il team di Gasper avrà un caso molto più difficile che si dimostrerà negligente.

“Nessun querelante ha mai ottenuto un verdetto incondizionato della giuria in una causa contro un produttore di armi per lesioni derivanti dall’uso criminale di un’arma”, ha spiegato Lytton. “L’argomento è che l’industria non è responsabile della violenza armata, i criminali lo sono”.

Un fattore critico nella responsabilità della MGM ruota attorno alla cronologia degli eventi e se la polizia è stata immediatamente chiamata dopo che la guardia di sicurezza Jesus Campos è stata colpita da Paddock.