La giustificazione preferita di Belmont Stakes si contenderà la Triple Crown sabato, mentre la Humane Society of US, ASPCA farà luce sul lato oscuro delle corse di cavalli

Justify — il vincitore del Kentucky Derby e del Preakness Stakes del 2018 — ha già fatto la storia delle corse di cavalli. Ora è a 1.5 miglia di distanza dal diventare una leggenda del settore.

Il puledro di tre anni è su un rullo. Ha battuto il campo in un Kentucky Derby fangoso e scivoloso prima di aggrapparsi al naso per vincere i Preakness Stakes solo due settimane dopo.

Ora la terza tappa della Triple Crown, i Belmont Stakes, incombe. Il purosangue è in grado di bloccare il suo posto nella tradizione delle corse di cavalli diventando il tredicesimo cavallo a vincere il premio più ambito in questo sport.

I bookmaker hanno Justify come un grande favorito per completare l’impresa quando la 150esima edizione dei Belmont Stakes prenderà il via questo sabato a Long Island.

Giustificare le probabilità

Vincere o perdere, Justify si è già inserito tra i grandi di tutti i tempi.

Il cavallo addestrato da Bob Baffert è una specie di prodigio, avendo fatto la sua prima partenza in assoluto questo febbraio, una gara che ha vinto. Justify non ha mai gareggiato a due anni, rendendolo il primo vincitore così inesperto del Kentucky Derby dall’Apollo nel 1882.

Ha partecipato a cinque gare e non ha ancora perso.

Ma ciò significa anche che Justify non coglie più nessuno di sorpresa. La maggior parte dei libri di sport lo ha installato come un favorito alla pari per i Belmont Stakes, ben prima del resto del campo. In effetti, molti punti vendita stanno pagando meno delle quote alla pari, con Paddy Power e Betfair che pagano entrambi 8/11 su una vittoria di Justify.

Tuttavia, se la storia è indicativa, potrebbe avere meno soldi per vincere. Trentacinque cavalli hanno vinto le prime due tappe della Triple Crown e solo 12 hanno vinto la gara finale.

Chi ha il colpo migliore per consegnare al puledro il suo primo assaggio di sconfitta? Questo sarebbe Hofburg a 7/2, con una manciata di cavalli che pagano a quote più vicine a due cifre, secondo il bookmaker Ladbrokes:

Nel frattempo, Gronkowski – che è in comproprietà con la star della NFL Rob Gronkowski – ti farà guadagnare $ 25 su una scommessa da $ 1 se riesce a vincere.

Il più grande longshot in gara è Free Drop Billy a 40/1.

Quando la gloria svanisce

Ma le corse di cavalli non sono solo borse da soldi, cappelli fantasiosi e julep alla menta.

Mentre lo sport fa parte del tessuto americano da 150 anni – e con più di 10 milioni di spettatori che dovrebbero guardare Belmont questo fine settimana – altri si stanno concentrando su un lato più brutto e più nascosto del settore.

Secondo la Humane Society of the United States (HSUS) e l’ASPCA, nel 75,000 più di 2017 cavalli sono stati spediti in Canada e Messico per essere macellati. Entrambe le organizzazioni per il benessere degli animali affermano che i cavalli devono affrontare condizioni brutali nei loro ultimi giorni, sostenendo che alcuni di loro sono ancora vivi quando vengono scuoiati e smembrati, e vengono poi macellati e venduti per il consumo in tutto il mondo.

E sì, molto probabilmente includeranno molti dei concorrenti nelle Belmont Stakes di quest’anno che non saranno abbastanza veloci da tagliare per primi il traguardo. Anche i vincitori non sono immuni al macello. Ferdinand – il vincitore del Kentucky Derby del 1986 – fu spedito e ucciso dopo non essere riuscito a generare puledri vincenti.

Sia l’HSUS che l’ASPCA affermano che le cose stanno migliorando molto lentamente, anche se c’è ancora molta strada da fare.

I dati tra il 2012 e il 2016 hanno mostrato una media annua di 137,000 cavalli americani spediti a macelli stranieri, spesso sopportando (come fanno tuttora) la spedizione in ambienti chiusi, quasi senz’aria, senza cibo o acqua, solo per incontrare un raccapricciante e spesso morte prolungata una volta giunti alla loro destinazione finale.

L’atto – che garantirebbe sia che i cavalli non possano essere esportati per la macellazione sia impedirebbe il ripristino di qualsiasi macello americano per lo stesso scopo – ha un sostegno bipartisan, secondo l’ASPCA, ma ha ancora bisogno che i cittadini contattino i loro rappresentanti e senatori vedere attraverso il suo passaggio al Congresso.