La fusione di SBE Entertainment di Sam Nazarian con il gruppo Hakkasan non è un affare morto, la vendita di SLS potrebbe essere causa di rapina

SBE Entertainment, di proprietà privata dell’uomo d’affari iraniano-americano Sam Nazarian, aveva annunciato a marzo di collaborare con Hakkasan Group, una società di ospitalità di lusso nota a Las Vegas per il suo nightclub all’interno dell’MGM Grand. La fusione doveva essere completata entro la fine di maggio, ma qui siamo ad agosto e non sono stati raggiunti i termini.

Ma in una pressa di SBE Entertainment, la società di gestione della SLS Las Vegas della Strip, la società insiste che sta ancora pianificando di fondersi con Hakkasan, nonostante l’alleanza richieda molto più tempo del previsto.

In una dichiarazione di questa settimana al Las Vegas Review-Journal, la società insiste che l’accordo è ancora in corso.

“SBE continua a negoziare per completare una transazione finanziaria in cui [il proprio] e le formidabili risorse di Hakkasan nel settore dell’ospitalità sono combinate in un’unica società. Non vediamo l’ora di concludere l’operazione”, si legge nel comunicato.

Nazarian possiede circa il 64 percento della società da lui fondata, con investitori di private equity che controllano la quota rimanente. Hakkasan Group è di proprietà di Alliance International Investment, una società di investimento con sede a Dubai.

La società risultante dalla fusione avrebbe una valutazione di $ 1 miliardo, secondo il Wall Street Journal. Nazarian ha dichiarato a marzo che la formazione creerà “la società di ospitalità, residenziale, ristorante e intrattenimento più dinamica del settore”.

Mirare ai millennial

SBE e Hakkasan unire le forze ha senso, poiché entrambi condividono una visione comune di creare luoghi di ospitalità di lusso che si rivolgono a una fascia demografica più giovane. Sebbene SLS Las Vegas non sia stata una delle sue migliori iniziative finanziarie, Nazarian ha avuto più successi che fallimenti in generale.

Nazarian ha bisogno dei millennial per rendere tutte queste nuove iniziative un successo e il Gruppo Hakkasan possiede una competenza particolare quando si tratta di ciò che quella generazione sta cercando.

Las Vegas è la mecca della scena delle feste sexy e Hakkasan domina quello spazio. Oltre al suo nightclub di punta MGM (e altri), la compagnia gestisce lounge e piscine al Mirage, Bellagio, Aria e Caesars Palace.

Hakkasan ha inoltre aperto Level Up l’anno scorso presso l’MGM Grand, una sala giochi e intrattenimento orientata ai millennial. Con macchine da gioco basate sulle abilità e competizioni di gioco d’azzardo sportivo interattivo come il golf virtuale, MGM spera che il parco giochi digitale creato da Hakkasan raggiunga il perfetto equilibrio tra giochi arcade e gioco d’azzardo tradizionale.

Il presidente del comitato consultivo di Nightclub & Bar Convention e Trade Show Thom Greco ha detto al told Review-Journal recentemente che SBE Entertainment beneficerà della “spavalderia” e dell’esperienza di Hakkasan nella creazione di spazi che consentano agli hotel boutique di distinguersi in un settore affollato.

Motivo della rapina

Una potenziale ragione per il continuo ritardo della fusione potrebbe essere la vendita in sospeso di SLS Las Vegas, la prima incursione di SBE nel gioco d’azzardo che è costata alla Nazarian decine di milioni di dollari.

Dopo aver subito una ristrutturazione da 415 milioni di dollari per trasformare il Sahara in SLS Las Vegas nel 2014, e le controversie sull’emissione della licenza di gioco a causa delle passate condanne per crimini di Nazarian, l’uomo d’affari ha iniziato a vendere la sua partecipazione nella proprietà poiché il nuovo concetto non è riuscito ad attirare la gente del posto e visitatori all’estremità settentrionale della Striscia.

Stockbridge Capital, che ha sopportato l’incubo finanziario con Nazarian, ora controlla la proprietà di maggioranza del resort. SLS continua a gestire le sue operazioni. A maggio, Stockbridge ha accettato di vendere il resort in difficoltà per un prezzo non divulgato ai proprietari del Grand Sierra Casino di Reno, il Gruppo Meruelo.

Quella vendita imminente potrebbe aver avuto un impatto sulla conclusione delle trattative in quello che SBE spera sarà un investimento migliore per l’azienda.