La crisi di bilancio della Pennsylvania mantiene vive le speranze di gioco d’azzardo online, il Michigan presenta Bill

La legislatura della Pennsylvania è tornata in sessione questa settimana, mentre i legislatori si riuniscono per riprendere a litigare su un accordo di bilancio sempre sfuggente che potrebbe, alla fine, legalizzare il gioco d’azzardo online.

L’urgenza sta crescendo, tuttavia, poiché lo stato potrebbe fallire venerdì per la prima volta nella sua storia.

Il tesoriere Joe Torsella e il revisore generale Eugene DePasquale hanno avvertito che la Pennsylvania non ha abbastanza soldi per pagare 860 milioni di dollari di fatture in scadenza entro la fine della settimana, e nemmeno sembra dell’umore giusto per autorizzare un altro prestito a breve termine per dare allo State House un proroga alla scadenza del venerdì.

Non essendo riuscita a elaborare un proprio piano di bilancio praticabile, la Camera dominata dal GOP ha respinto il piano del Senato ed è andata in vacanza per il resto dell’estate.

Gioco online assente

Questa settimana, la Camera è tornata con un piano fiscalmente conservatore, sostenuto dai repubblicani, che non fa menzione del gioco d’azzardo online. Il cosiddetto “Bilancio dei contribuenti”, ampiamente deriso, propone di sottrarre fondi da una serie di conti destinati allo sviluppo dei trasporti, dei porti, delle ferrovie e delle infrastrutture.

Dopo aver in precedenza spinto la Camera di stato a “mettere insieme le loro azioni”, il governatore democratico della Pennsylvania Tom Wolf ha bollato la loro ultima idea come “assurdità”. Il voto sul piano previsto per martedì non si è concretizzato.

Nel frattempo, se i leader della GOP House intendono includere il gioco d’azzardo in un eventuale piano di bilancio, favoriscono un pacchetto che includa l’autorizzazione dei terminali di videogiochi (VGT) nei bar e nei ristoranti.

Ma mentre il Senato guidato dai repubblicani può sopportare il gioco d’azzardo online, trova sgradevoli i VGT, il che suggerisce che è molto lontano dal consenso.

Tuttavia, la Pennsylvania rimane lo stato con maggiori probabilità di legalizzare e regolamentare il gioco d’azzardo online, se il precipizio fiscale dello stato unisce in qualche modo i disparati interessi di gioco.

Michigan prossimo in linea

Nel frattempo, il Michigan potrebbe essere il prossimo stato a dare una svolta alla legalizzazione del gioco d’azzardo online. Martedì, lo State Rep. Brandt Iden ha presentato H 4926, che dovrebbe essere ascoltato mercoledì dalla House Regulatory Reform Committee.

L’ostacolo principale per il Michigan è il mix di gioco tribale e commerciale dello stato. La regolamentazione del gioco d’azzardo online deve includere gli operatori tribali per avere una possibilità di successo, ma per farlo, il disegno di legge di Iden chiarisce, richiederebbe alle tribù di rinegoziare i loro patti con lo stato.

L’anno scorso, un disegno di legge del senatore Mike Kowall proponeva che le tribù avrebbero dovuto “rinunciare all’immunità sovrana” per essere autorizzate, il che era comprensibilmente impopolare e apertamente osteggiato da almeno quattro operatori tribali.