Il Senato dell’Indiana approva il controverso pacchetto di scommesse sul casinò Terre Hauteute

Martedì il Senato dell’Indiana ha approvato un pacchetto di espansione del gioco d’azzardo che legalizzerebbe le scommesse sportive, autorizzerebbe i giochi da tavolo per i circuiti, consentirebbe a un casinò fluviale di Gary di spostare 160 miglia nell’entroterra verso Terre Haute e rimuovere il limite al numero di casinò che una singola società è permesso di possedere all’interno dello stato.

Basta non chiamarlo “espansione del gioco d’azzardo”, perché i sostenitori del disegno di legge sono permalosi riguardo al termine. Preferiscono vederlo come “un’opportunità per sfruttare le risorse esistenti dello stato”.

Il co-sponsor del senatore statale Mark Mesmer (R-Jasper) l’ha definita “un’opportunità unica nella generazione per ripristinare l’industria dei casinò in Indiana”.

House non usa mezzi termini

Il desiderio di ammorbidire il linguaggio deriva dal riconoscimento che il disegno di legge avrà un momento più difficile alla Camera, dove si dirigerà dopo, e dove il presidente della Camera Brian Bosma è determinato a tagliare il toro.

Lo chiama “enorme espansione del gioco d’azzardo” e martedì ha espresso la sua sorpresa per il fatto che avesse autorizzato il Senato.

I casinò fluviali dell’Indiana stanno lentamente strisciando sulla terraferma dal 2015, quando il legislatore ha approvato una misura per il gioco terrestre. Nel 2017, Tropicana Evansville è stato il primo a fare il salto evolutivo, ma ci si aspettava che i casinò sarebbero rimasti a poche centinaia di metri dai loro ormeggi originali.

Nuova licenza?

Il disegno di legge consentirebbe alla Spectacle Entertainment, che ha recentemente acquistato due casinò galleggianti di Gary, Majestic Star I e Majestic Star II, di trasferirsi da Buffington Harbour sul lago Michigan, con uno che potrebbe andare a Terre Haute e l’altro in un’altra parte di Gary.

Il piano ha l’approvazione dei funzionari di Gary che hanno stanziato Buffington Harbour per la riqualificazione.

Ma gli oppositori sostengono che spostare un casinò da una città all’altra crea essenzialmente una “nuova licenza”. I sostenitori non sono d’accordo.

Il disegno di legge stabilirebbe anche una procedura di gara competitiva per Terre Haute che potrebbe riaprire la porta a Full House Resorts, proprietario del Rising Star Casino nel sud-est dell’Indiana, che ha a lungo fatto pressioni per l’opportunità di gestire un casinò in città.

I funzionari della città di Terre Haute hanno affermato di sostenere un casinò ma non si preoccupano di chi lo costruisce.

I giocatori d’azzardo in Indiana che sperano semplicemente in qualche azione legale di scommesse sportive non dovrebbero trattenere il respiro. Le fatture di gioco d’azzardo di portata troppo ambiziosa tendono a essere abbattute e una legge sulle scommesse sportive autonoma, priva di interessi intersettoriali, avrebbe maggiori possibilità di essere approvata quest’anno.

Lascia un commento