Il produttore di carte Gemaco confuta l’affermazione di Borgata secondo cui il difetto di progettazione ha portato alla vittoria di Phil Ivey di $ 10 milioni di Edge Sorting

Nella battaglia in corso del poker pro Phil Ivey con il casinò Borgata di Atlantic City oltre $ 10 milioni “vinti” ai tavoli di mini-baccarat nel 2012, è diventato un gioco di responsabilità a tre.

In una dichiarazione depositata lunedì in un tribunale del New Jersey, il produttore di carte da gioco Gemaco ha risposto all’affermazione del Borgata secondo cui i mazzi difettosi consentivano a Ivey e al compagno di gioco Kelly Sun di battere il casinò usando una tecnica chiamata “smistamento dei margini”. Gemaco ha negato di essere in colpa e responsabile per aver pagato al Borgata ciò che Ivey e Sun hanno lasciato.

Una notte ad Atlantic City

Il Borgata ha fatto causa a Ivey e Sun nel tentativo di recuperare $ 9.6 milioni che la coppia ha raccolto dai tavoli high-roller del casinò durante una furia di quattro sessioni di edge sorting cinque anni fa, più altri $ 500,000 che Ivey ha vinto giocando a craps usando le chips delle vincite contestate come la sua posta in gioco.

Ivey e Sun hanno sempre insistito sul fatto che non imbrogliavano e usavano invece l’abilità per vincere le partite in modo corretto.

Ad ottobre, tuttavia, un giudice non è d’accordo, trovando Ivey e Sun responsabili di rimborsare il casinò. Anche se la corte ha riconosciuto che Ivey e Sun potrebbero non aver mai effettivamente toccato i mazzi in questione, perché stavano beneficiando di un gioco che utilizzava, essenzialmente, “carte segnate”, lo avevano manipolato.

Scaricabarile

Con Ivey e Sun che hanno fatto appello a quella sentenza e si sono ancora rifiutati di pagare, il Borgata ha aggiunto Gemaco alla loro causa, sostenendo che il produttore della carta aveva violato il contratto fornendo carte i cui dorsi modellati erano minuziosamente asimmetrici.

La base del caso Borgata contro Gemaco è una specifica legge sul gioco del New Jersey:

“Il retro di ogni carta del mazzo deve essere identico e nessuna carta deve contenere segni, simboli o disegni che permettano a una persona di conoscere l’identità di qualsiasi elemento stampato sul lato anteriore della carta o che in qualche modo differenzi la retro di quella carta da qualsiasi altra carta nel mazzo.”

Gemaco ha risposto all’affermazione della Borgata secondo cui l’edge-sorting è “possibile solo quando le carte da gioco non vengono tagliate simmetricamente durante il processo di produzione”, utilizzando la testimonianza della corte di Sun per confutare il punto.

In una testimonianza nel tentativo di dimostrare l’abilità richiesta per lei nell’edge-sort, Sun si era precedentemente vantata alla corte di poter effettuare l’edge-sort su qualsiasi mazzo di carte, indipendentemente dal produttore.

Se è vero, sostiene Gemaco, il mazzo di carte non può essere colpevole. Gemaco ha anche affermato che l’industria consente discrepanze nei modelli fino a 1/32 di pollice, uno standard che le carte da gioco viola in questione soddisfacevano.

La Borgata è intenzionata a riprendersi i suoi soldi, indipendentemente dal fatto che provenga da Ivey e Sun o da Gemaco. Sebbene Ivey e Sun debbano fare affidamento su un’autorità giudiziaria superiore per assolverli dalla responsabilità, è probabile che il produttore di carte sollevi alcune delle stesse argomentazioni.