Il New Jersey minaccia una causa contro il Dipartimento di Giustizia per l’opinione del Wire Act del 2019

Il presidente del Senato dello Stato del New Jersey Stephen Sweeney (D) sta avvertendo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti che è in corso un’azione legale a meno che l’ultima opinione dell’agenzia sul Federal Wire Act non venga revocata.

In una lettera datata 13 febbraio al vice procuratore generale del DOJ Rod Rosenstein, Sweeney chiede che il Wire Act del 2019 dell’Office of Legal Counsel venga revocato. Se il Dipartimento di Giustizia non lo farà, il legislatore statale afferma che verrà intentata un’azione legale presso la Corte Distrettuale degli Stati Uniti per ottenere una sentenza dichiarativa.

L’opinione del 2019, che ha richiesto 26 pagine di analisi torturata della struttura della frase e dei posizionamenti delle virgole per determinare che il linguaggio chiaro del Wire Act si applicava a tutte le forme di gioco d’azzardo, era contraria all’opinione molto più motivata … e alla “revisione approfondita” di il Dipartimento di Giustizia nel 2011”, ha dichiarato Sweeney.

L’assistente procuratore generale dell’Ufficio del Dipartimento di Giustizia del Dipartimento di Giustizia Steven Engel ha scritto a novembre che il Wire Act del 1961 vieta la trasmissione di scommesse interstatali non solo sulle scommesse sportive, ma su tutte le forme di gioco d’azzardo. Il parere del 2011 affermava che la legge federale si applicava solo alle scommesse sportive.

L’opinione di Engel è stata resa pubblica solo a gennaio, motivo per cui Sweeney e altri la chiamano opinione del Wire Act 2019.

Analisi difettosa

Nella sua lettera, Sweeney mette in evidenza quelle che secondo lui sono diverse carenze nella revisione dello statuto federale da parte di Engel.

Sweeney ribatte che la sua opinione è “che il Wire Act richiede chiaramente che l’oggetto del gioco d’azzardo sia un evento sportivo o un concorso”.

Scritto 58 anni fa, il disegno di legge del Congresso è stato redatto molti decenni prima che Internet diventasse un luogo comune. La legge è stata principalmente costruita per reprimere i circuiti di scommesse sportive illegali, che erano in gran parte gestiti da mafiosi.

“È antiquato”, ha detto l’avvocato del gioco di Las Vegas Kate Lowenhar-Fished Casino.org recentemente. “Francamente, penso che l’intero Wire Act sia probabilmente maturo per la rimozione perché … gli stati hanno già le loro leggi che affrontano il gioco illegale e abbiamo già leggi federali che aiutano gli stati a far rispettare le loro leggi sul gioco illegale”.

Scadenza in avvicinamento

In una lettera datata 15 gennaio 2019, il Dipartimento di Giustizia ha dichiarato agli avvocati degli Stati Uniti e all’FBI che la nuova interpretazione non dovrebbe essere applicata fino a quando non sarà trascorso un periodo di grazia di 90 giorni. Ciò significa che il 15 aprile l’opinione del Wire Act 2019 sarà il punto di vista ufficiale del DOJ sulla legge federale.

Ciò non significa che il gioco d’azzardo online e le lotterie su Internet termineranno negli stati in cui attualmente sono legali.

I procuratori generali Gurbir Grewal (D-New Jersey) e Josh Shapiro (D-Pennsylvania) hanno dichiarato al DOJ di avere una “forte opposizione” all’opinione del 2019. Il CEO di MGM Resorts Jim Murren ha detto agli investitori e agli analisti di gioco che l’opinione del DOJ “è sconcertante”, “scritta male e inapplicabile”.

Lascia un commento