Il miliardario Carl Icahn vende la quota di Fontainebleau a Las Vegas per un ROI quadruplo

Carl Icahn ha quadruplicato il suo investimento a Fontainebleau Las Vegas dopo aver venduto la proprietà della Strip alla società immobiliare Witkoff con sede a New York per 600 milioni di dollari.

Un resort originariamente previsto da 2.8 miliardi di dollari e con 3,815 camere, Icahn ha acquistato il Fontainebleau per soli 150 milioni di dollari nel 2010 senza mai vederlo di persona.

L’acquisto alla cieca ora sta dando i suoi frutti per il raider aziendale, una grande vittoria per il suo track record di partecipazioni nei casinò dopo aver perso contro l’ex Trump Taj Mahal ad Atlantic City.

L’81enne ha dichiarato della vendita: “IEP (Icahn Enterprises) ha acquisito questa risorsa quando altri non erano disposti a investire e la vendita ha comportato un guadagno di circa $ 457 milioni per i nostri detentori di quote. Questo investimento di successo è un esempio del nostro modus operandi “contrarian”, che cerca di investire in attività e attività sottovalutate, coltivare, guidare e migliorare le loro condizioni e operazioni e, infine, venderle per grandi guadagni”.

Con lo scarico di Fontainebleau, Icahn non è più proprietario di un resort a Las Vegas.

Il fondatore di Witkoff, Steve Witkoff, ha una lunga esperienza nel settore immobiliare ed è considerato un importante sviluppatore, specialmente a New York, dove il presidente Donald Trump era un ex cliente.

Bleau in faccia

Con 68 piani e circa il 70 percento finito, il Fontainebleau è un enorme promemoria della recessione. La costruzione di Fontainebleau è iniziata nel febbraio del 2007, proprio quando l’economia statunitense ha iniziato a crollare.

Fontainebleau Las Vegas, LLC, ha presentato istanza di fallimento dopo che i finanziatori sono scappati. Icahn è intervenuto durante il tribunale fallimentare per acquisire la proprietà incompiuta.

Rinascita della North Strip

Dal momento che le probabilità che Carl Icahn avrebbe mai completato Fontainebleau sembravano lunghe, è presumibilmente una buona notizia che abbia trovato un acquirente. A $ 600 milioni, gli analisti ritengono che Witkoff terminerà la costruzione e tenterà di aprire il casinò il più rapidamente possibile.

Il vicepresidente esecutivo del gruppo CBRE John Knott, specializzato in proprietà di gioco, ha dichiarato al Las Vegas Review-Journal che probabilmente costerà a Witkoff altri $ 900 milioni a $ 1.6 miliardi per completare il resort.

Fontainebleau sarà quasi certamente ribattezzato, poiché Witkoff ha fatto riferimento solo all’indirizzo della proprietà in una dichiarazione relativa all’acquisizione. Se il resort dovesse aprire nei prossimi anni, sarebbe un importante sviluppo per l’estremità settentrionale della Striscia.

La Stratosphere e l’ex SLS Las Vegas hanno recentemente ottenuto nuovi proprietari e la costruzione è ripresa al Resorts World. Con il centro di Las Vegas in crescita esponenziale, le proprietà della Strip settentrionale sperano di collegare le due aree più trafficate di Sin City.

L’analista di gioco d’azzardo di Fitch Ratings, Alex Bumazhny, afferma che è ancora un’impresa rischiosa.

“Le proprietà più vicine alle proprietà MGM e alle proprietà Caesars tendono a fare meglio con le tariffe medie giornaliere”, ha detto Bumazhny al The Associated Press. «Fontainebleau è un po’ fuori. SLS ha faticato a raggiungere la redditività probabilmente a causa della sua posizione.”