Il gioco d’azzardo di beneficenza del Minnesota offre più soldi al governo che alle organizzazioni non profit

Le entrate del gioco d’azzardo di beneficenza in Minnesota stanno crescendo per il settimo anno consecutivo, ma le tasse e le commissioni associate potrebbero costare più di quanto alla fine rimane per i beneficiari senza scopo di lucro.

I ricavi del gioco d’azzardo di beneficenza in Minnesota sono in grado di eclissare i $ 1.7 miliardi rischiati nello stato su bingo, tabs, lotterie, tabelloni e ruote a pale nel 2017. Ma una scala fiscale variabile che aumenta con l’aumento delle entrate lorde, senza tenere conto dei pagamenti in primo luogo, potrebbe finire per prendere più guadagni netti di quello che va agli enti di beneficenza.

Secondo l’ Star Tribune, circa 1.45 miliardi di dollari dell’incasso totale dell’anno scorso sono stati pagati in premi. Sono rimasti 277 milioni di dollari. Ma di questi, solo 64.3 milioni di dollari sono andati in beneficenza. Il resto ha coperto i costi operativi, le tasse e le tasse.

“Ora siamo esattori delle tasse per lo stato invece che lavoratori per le nostre comunità”, ha affermato Al Lund, direttore esecutivo di Allied Charities of Minnesota.

Fraterni, religiosi, veterani e “altri gruppi senza scopo di lucro” registrati possono condurre giochi di beneficenza in Minnesota. Lo stato vieta il gioco d’azzardo commerciale, ma ha patti che consentono i casinò tribali.

Tassa di beneficenza

Il Minnesota ha autorizzato il gioco d’azzardo di beneficenza nel 1945, per raccogliere fondi per le chiese e le esigenze della comunità. Ma nel 1984, il legislatore statale ha preso il controllo normativo dai governi locali, formando il Charitable Gambling Control Board.

L’agenzia ha assicurato che tutte le organizzazioni che gestiscono il gioco d’azzardo erano adeguatamente autorizzate e che dovevano anche versare il 10% delle entrate nette (dopo il pagamento dei premi) allo stato.

Le organizzazioni di raccolta fondi riferiscono che il problema è che le vendite del gioco d’azzardo di beneficenza sono aumentate del 12% nell’ultimo anno fiscale, ma le tasse sono aumentate del 16%. Gli operatori affermano che con l’aumento dell’attività di scommessa, le tasse stanno tagliando troppo pesantemente i loro contributi di beneficenza. Gli sforzi per ridurre la tassa sul gioco rivista a St. Paul, la capitale, sono falliti.

“Il gioco di beneficenza in Minnesota è morto a 72 anni”

L’Irving Community Club, che serve organizzazioni giovanili e bambini bisognosi, facilita le operazioni di gioco d’azzardo di beneficenza in 19 bar nella zona di Duluth. Dei $ 1 milione di entrate nette del gruppo nel 2017, $ 733,000 sono andati allo stato o sono stati utilizzati per le spese generali, con solo $ 306,000 utilizzati per programmi di beneficenza.

“È davvero triste. Il governo è così avido che toglie ai bambini “, ha detto il manager del gioco dell’Irving Community Club Genny Hinnenkamp al Duluth News Tribune il mese scorso.

Ora il gruppo Allied Charities di Lund sta sfidando il legislatore, affermando che le organizzazioni sotto il suo ombrello potrebbero semplicemente sospendere le operazioni di gioco d’azzardo se lo stato non riesce a fermare il bracconaggio dalle organizzazioni di beneficenza bisognose.

A luglio, il suo gruppo ha pubblicato un finto necrologio sul sito Web dell’organizzazione, intitolato “Charitable Gaming in Minnesota Dead at 72”.

“I dettagli non sono ancora del tutto chiari, ma le indicazioni sono che il 30 giugno 2017, i giochi di beneficenza in Minnesota hanno attraversato il Rubicone”, afferma l’articolo satirico. “Il gioco di beneficenza ora sarà conosciuto come The State of Minnesota Charity… Al posto dei fiori, i parenti chiedono di non inviare denaro allo stato”.