Il destino di Filadelfia in diretta! Progetto casinò ancora nel limbo mentre le fazioni combattono contro le misure antitrust Measure

Filadelfia in diretta! Il progetto Hotel & Casino rimane in un limbo legale, poiché una causa continua a bloccare la sede dalla finalizzazione della licenza e ad andare avanti per aprire il terreno.

Il problema principale è cercare di determinare se l’uomo d’affari Watche “Bob” Manoukian, che possiede una quota di controllo dell’86 percento nel vicino Casinò Parx, sia autorizzato a detenere anche una partecipazione in Live! La legge statale sul gioco vieta agli investitori e ai gruppi finanziari di superare il 33.3 per cento del capitale in più iniziative di gioco.

Il Pennsylvania Gaming Control Board (PGCB) ha recentemente annunciato che un’audizione pubblica sulla questione si terrà il 31 luglio a Harrisburg.

Secondo il Race Horse Development and Gaming Act, “Nessun licenziatario di slot machine, i suoi affiliati, intermediari, sussidiari o holding possono possedere una proprietà o un interesse finanziario superiore al 33.3 percento di un altro licenziatario di macchine locali”.

Ciò rappresenta un problema per il progetto del casinò di Filadelfia, che è una partnership congiunta tra Cordish Companies e Green Racing, quest’ultima di proprietà di Manoukian. L’uomo d’affari è il presidente di HCBS Bank Armenia e detiene investimenti in immobili, biotecnologie, prodotti farmaceutici e ospitalità.

I 450 milioni di dollari in diretta! resort è programmato per essere costruito su un terreno di nove acri adiacente al Philadelphia Sports Complex. I piani prevedono un piano del casinò di 325,000 piedi quadrati, oltre a un hotel di 18 piani.

SugarHouse Casino è attualmente l’unica proprietà di gioco d’azzardo con un indirizzo di Filadelfia, ma Parx è a meno di 20 miglia a nord-est a Bensalem e Harrah’s Philadelphia è a sole 15 miglia a sud-ovest a Chester.

Dissezione della proprietà

Stadium Casino, LLC, l’impresa tra Cordish e Greenwood, ha ricevuto una licenza di gioco di categoria 2 nel novembre del 2014. Richiede ancora l’approvazione finale da parte del PGCB.

Questo è stato bloccato da una sfida legale presentata da un offerente che ha perso la conquista della licenza di Filadelfia. Dietro la causa c’è Market East Associates, l’ente che ha chiesto il permesso senza successo. Anche SugarHouse Gaming si è unita al contenzioso.

Stadium Casino afferma che la proprietà di Manoukian è attraverso una “fiducia irrevocabile” che non controllerà o non potrebbe toccare. Invece, il veicolo di investimento sarebbe destinato a un beneficiario e lui sarebbe un proprietario a mani libere.

La complicata struttura finanziaria è il motivo per cui la sfida legale è durata quasi tre anni. Il 31 luglio, le due parti presenteranno ancora una volta i loro casi al tavolo da gioco.

Bill presentato

Gettando ancora più benzina sul fuoco, il rappresentante statale Scott Petri (R-Bucks) ritiene che la clausola di proprietà di un terzo nella legge sul gioco debba essere abrogata. Il presidente del Comitato di sorveglianza del gioco della Pennsylvania House, Petri, ha introdotto una legislazione per abolire il regolamento e consentire agli investitori di avere quote di controllo in più sedi di gioco.

“È importante porre fine finalmente al contenzioso su questa licenza di Philly”, ha spiegato Petri all’inizio di questo mese. Ha aggiunto che lo stato sta perdendo decine di milioni di dollari di entrate fiscali invisibili dal Live! progetto del casinò.

Una licenza di categoria 2 costa una tantum di 50 milioni di dollari in anticipo. Sebbene tale licenza sia stata approvata dal PGCB, la causa ha trattenuto la sua finalizzazione, incluso quel pagamento.

Lo stato a corto di liquidità è attualmente alla ricerca di entrate per colmare un divario di finanziamento previsto di $ 2.2 miliardi.