GOP statale in Georgia resuscita l’opposizione morale alle possibilità del casinò

Come molti stati in tutto il paese, la Georgia ha preso in considerazione proposte legislative per legalizzare varie forme di gioco d’azzardo. Ma a differenza di molti stati, i sostenitori in Georgia stanno affrontando una feroce opposizione da parte di un partito repubblicano che promuove punti di discussione a lungo discussi sui mali dei casinò.

Il comitato statale della Georgia GOP ha approvato una risoluzione durante il fine settimana che delinea i “costi sociali” della legalizzazione dei casinò e delle corse di cavalli, nel tentativo di anticipare la legislazione promessa del 2018 che mira a fare proprio questo.

“Una volta che l’industria del gioco d’azzardo sarà autorizzata a operare legalmente nello stato, il suo potere di lobby aumenterà e aumenterà la sua influenza sui legislatori e sui funzionari della comunità locale”, si legge nella risoluzione.

Il gruppo è fortemente contrario all’introduzione di casinò in qualsiasi forma. Citano l’aumento della criminalità, l’aumento dei tassi di divorzio, la perdita del lavoro, l’abbandono dei bambini e la violenza domestica, tutti come risultato dei casinò legalizzati. Il comitato statale è visto come uno dei principali influencer nel modo in cui votano i legislatori repubblicani della Georgia.

La nuova risoluzione anti-gioco originariamente avrebbe incluso un linguaggio che si opponeva ai fantasport quotidiani, ma alla fine ha escluso DFS.

repubblicano contro repubblicano

Il legislatore della Georgia ha preso in considerazione diversi progetti di legge nel 2017 volti a legalizzare i casinò, le corse di cavalli e il DFS. Alla fine, sono tutti morti, o sono stati deposti. Ma gli sponsor del conto hanno detto che sarebbero tornati l’anno prossimo.

Due progetti di legge sponsorizzati dai repubblicani per consentire i casinò. Il senatore Brandon Beach ha visto il suo SB 79 non riuscire a uscire dalla commissione per le industrie regolamentate del Senato. Ha detto a Atlanta Journal Costituzione avrebbe riprovato la legislazione l’anno prossimo.

“Non sono scoraggiato”, ha detto Beach all’epoca. “Raddoppierò e pianificherò di attraversare lo stato a partire da aprile”.

Allo stesso modo, il rappresentante statale Ron Stephens, anche lui repubblicano, ha visto il suo HB 158, che ha istituito un quadro normativo per i casinò, non riuscire a raggiungere l’aula per il voto.

“Faremo un respiro profondo e torneremo a darci un’occhiata nel frattempo”, ha detto. “Vogliamo mantenere viva la discussione”.

Entrambi i legislatori indicano i vantaggi che i casinò potrebbero avere. Hanno menzionato come la lotteria della Georgia finanzia le tasse universitarie statali e i programmi pre-K.

Attacco preventivo

L’industria dei casinò pensava di avere un percorso in Georgia quando il comitato statale del GOP ha eletto John Watson, che è pro-gaming e ha lavorato come lobbista per Boyd Gaming, come presidente a giugno. Ma a causa di quella connessione e del potenziale conflitto, si è rifiutato di votare nel fine settimana.

Il conduttore radiofonico locale (e breve contendente presidenziale del 2012) Herman Cain ha sostenuto il messaggio di turpitudine morale ai delegati del comitato statale del GOP, prevedendo il disastro se la legislazione sui casinò dovesse andare avanti.

“Ti dirò un piccolo segreto”, ha detto Cain, “il gioco d’azzardo al casinò non copre i tuoi problemi, aumenta i tuoi problemi”.

In tal senso, la mossa del comitato statale del GOP potrebbe avere l’effetto voluto di fermare qualsiasi slancio legislativo per il 2018 prima ancora che inizi.