Gli esperti di diritto non hanno idea di dove la Corte suprema atterrerà su PASPA

PASPA, la legge federale sul gioco d’azzardo che impedisce le scommesse sportive in tutti gli stati tranne quattro, è un colosso complicato che ha messo perplessi gli esperti legali.

La Corte Suprema ha accettato di raccogliere la sfida del New Jersey secondo cui il PASPA (Professional and Amateur Sports Protection Act) viola la Costituzione degli Stati Uniti, ma coloro che hanno una conoscenza più approfondita del caso stanno lottando per trovare un consenso nel prevederne l’esito.

Durante una discussione questa settimana alla 17a conferenza annuale del Saratoga Institute on Equine, Racing, & Gaming Law Conference, coordinata dalla Albany Law School di New York, gli esperti di gioco hanno espresso opinioni diverse sulle possibilità che la Corte Suprema annulli le scommesse sportive di vecchia data. bandire.

“Non metterei soldi su nulla, anche se legalmente potessi”, ha detto il professore di diritto ed esperto di affari sportivi Marc Edelman, come riportato dal Modulo corse giornaliere, un media che copre le corse dei cavalli.

Edelman è apparso nel panel “Legalization of Sports Betting” con l’avvocato Tonya Henderson di CG Technology, il direttore della ricerca dell’American Gaming Association Andrew Smith e il membro dell’Assemblea di New York J. Gary Pretlow (D-Westchester), un sostenitore del gioco d’azzardo online.

La Corte Suprema dovrebbe esaminare il caso delle scommesse sportive questo autunno e prendere una decisione nel 2018.

PASPA contro il decimo emendamento

La Corte Suprema valuterà se la PASPA viola il decimo emendamento della Costituzione degli Stati Uniti che dichiara: “I poteri non delegati agli Stati Uniti dalla Costituzione, né vietati da essa agli Stati, sono riservati rispettivamente agli Stati o al popolo”.

Firmata nel 1787, la Costituzione degli Stati Uniti ovviamente non dice nulla sul gioco d’azzardo o sulle scommesse sportive. Nemmeno nessuno dei 27 emendamenti.

Ci sono diversi risultati potenziali per la Corte Suprema.

Miller ha affermato che pensa che se la PASPA è effettivamente ritenuta incostituzionale, la NCAA e i Big Four (NFL, MLB, NBA, NHL) solleciterebbero il Congresso a creare linee guida normative federali. Ciò non sembrerebbe risolvere il problema del decimo emendamento, ma presumibilmente il New Jersey lo prenderebbe ancora come una vittoria.

Come siamo arrivati ​​qui

Nel 2014, il governatore del New Jersey Chris Christie (R) ha firmato un intelligente atto legislativo che ha abrogato i divieti federali sulle scommesse sportive imposti allo stato. Ha sostituito una legge approvata due anni prima che chiedeva semplicemente di legalizzare il gioco d’azzardo sportivo.

La NCAA, insieme ai Big Four, ha rapidamente intentato una causa per impedire agli ippodromi del New Jersey e ai casinò di Atlantic City di aprire le linee agli eventi sportivi. I tribunali si sono ripetutamente schierati dalla parte dei querelanti e pochi pensavano che la Corte Suprema avrebbe effettivamente accettato l’appello dello Stato.

Lo shock è arrivato a giugno quando l’Alta corte, mettendo da parte un parere del suo procuratore generale di respingere, ha concesso una revisione della tesi del New Jersey.