Disney Ups spende per sconfiggere l’espansione del casinò in Florida

La Disney ha donato $ 500,000 a una campagna che si oppone all’espansione dei casinò in Florida il mese scorso, secondo il sito web della Division of Elections dello stato.

Il beneficiario della manna, il comitato di azione politica “Elettori in carica”, sta spingendo per approvare un emendamento costituzionale che darebbe agli elettori della Florida il “diritto esclusivo di decidere se autorizzare il gioco d’azzardo nei casinò”.

La campagna sta guidando l’emendamento sul controllo degli elettori del gioco d’azzardo che cerca di ridurre il potere dei politici di Tallahassee e dei lobbisti del gioco d’azzardo di approvare una legislazione che aumenterebbe le opportunità di gioco d’azzardo nei casinò nello Stato del sole.

“È tempo di ripristinare lo standard consacrato di richiedere l’approvazione degli elettori per qualsiasi gioco d’azzardo in stile casinò”, dichiara sul suo sito web.

La donazione del mese scorso porta il totale che la Walt Disney Company ha speso per sostenere gli elettori in carica a $ 1.15 milioni da aprile.

Il comitato richiede 766,200 firme di petizioni valide per la sua causa da aggiungere alla scheda elettorale nel novembre 2018. Ad oggi, ha presentato 151,476, secondo il sito della Divisione delle elezioni.

Morale o protezionismo?

Disneyworld a Orlando è l’ottava attrazione turistica più visitata al mondo, con 17.5 milioni di visitatori all’anno (la Strip di Las Vegas, ironia della sorte, è la prima), il che rende Disney una potenza in Florida, dominando l’industria del turismo dello stato, e vuole mantenerlo così.

È particolarmente riluttante a sostenere il tipo di competizione che ritiene sia in contrasto con la sua etica familiare, come il gioco d’azzardo nei casinò.

Ma questa posizione anti-gioco ha, in passato, portato ad accuse di ipocrisia, dal momento che Disney possiede i diritti di franchise come Star Wars e Marvel, che sono stati pesantemente concessi in licenza nel corso degli anni come slot e macchine da gioco.

Nel 2013, in un momento in cui il capo di LVS Sheldon Adelson stava esercitando forti pressioni per costruire un resort in Florida, il COO di LVS Mike Leven ha suggerito che la posizione della Disney fosse di pura anti-concorrenza e protezionismo mascherato in modo disonesto da punto di vista morale.

“La guerra intestina della Disney contro i resort integrati in Florida con questo pretesto li umilia in modo significativo”, ha detto.

Eliminazione graduale delle slot Marvel e Star Wars

Il gigante dell’intrattenimento evidentemente ne ha preso atto perché ha annunciato rapidamente che avrebbe iniziato a eliminare gradualmente le slot a tema Star Wars e Marvel e si sarebbe astenuto dal rinnovare tali accordi di licenza una volta scaduti quelli esistenti.

All’inizio di quest’anno, i legislatori della Florida hanno tentato di approvare un ampio pacchetto di riforma del gioco d’azzardo che, tra le altre cose, avrebbe ampliato le slot in tutto lo stato, ma il Senato pro-espansione non è riuscito a trovare un compromesso praticabile con la Camera più conservatrice.

Oltre a contendersi la Walt Disney Company, i legislatori favorevoli all’espansione affrontano l’opposizione della potente tribù dei Seminole, che gode del monopolio del gioco d’azzardo nei casinò attraverso la sua catena di casinò Hard Rock.