Caesars Entertainment crediti sgravi fiscali nel rapporto sugli utili del quarto trimestre, calo del turismo di Las Vegas nelle conseguenze delle riprese che danneggiano le entrate

Caesars Entertainment ha registrato un fatturato netto di 1.9 miliardi di dollari nel quarto trimestre, inferiore ai 2.01 miliardi di dollari previsti da molti analisti finanziari. Nonostante il calo delle entrate, il CEO di Caesars Mark Frissora e i funzionari della società hanno presentato una prospettiva rosea per il 2018 durante la chiamata di mercoledì con gli azionisti.

Il CFO Eric Hession ha affermato che la società, uscita dalla bancarotta a ottobre, ha beneficiato della riforma fiscale statunitense per un importo di 2.03 miliardi di dollari. I ricavi netti per l’intero anno sono aumentati a $ 8.1 miliardi, ma nonostante tale crescita, la società ha comunque registrato una perdita netta annua di $ 375 milioni.

Ma Hession rimane positivo, affermando che i tagli fiscali dovrebbero aumentare la fiducia dei consumatori, il che a sua volta aiuterà a far crescere le entrate nei mesi a venire.

Le azioni Caesars sono scese giovedì da un prezzo di apertura di $ 13.20 fino a $ 12.60 alla chiusura delle negoziazioni, con una perdita del 4.55%.

Una città colpita

Caesars Entertainment ha affermato che le riprese del 1 ottobre a Las Vegas hanno danneggiato le entrate dell’ultimo trimestre. La società possiede nove proprietà in città, di cui otto sulla Strip.

Le entrate di Las Vegas sono diminuite di quasi il 2017% negli ultimi tre mesi del 873 a $ 10 milioni. I guadagni prima di interessi, tasse, deprezzamento e ammortamento (EBITDA), più i ricavi degli affitti, sono scesi del 294% a $ XNUMX milioni.

Frissora ha affermato che l’attività persa in seguito alla tragedia è costata alla società 25 milioni di dollari nell’EBITDA del quarto trimestre. Il CEO di Caesars ha affermato che un aumento dell’EBITDA di circa l’11% sarebbe stato probabile senza quella tragica circostanza. E Frissora ha notato che le ricadute turistiche del massacro stanno ancora danneggiando gli affari.

“Durante il primo trimestre (del 2018), continuiamo a sentire l’impatto sulla nostra attività del tempo libero a Las Vegas dalle sparatorie del 1 ottobre. Abbiamo sfidato i nostri team di gestione a compensare questi impatti negativi concentrandoci costantemente sul controllo dei costi”, ha spiegato il CEO.

Frissora ha detto ai giornalisti che nelle settimane successive alla sparatoria c’è stato un forte calo degli arrivi dai mercati asiatici per rispetto delle 58 persone che hanno perso la vita. “Ho sentito dire che a volte è un periodo di tre, quattro mesi… Le persone in Asia sono molto rispettose delle morti”, ha concluso.

Nuovi giocatori in arrivo 

Caesars Entertainment è ottimista per l’anno a venire, e apparentemente lo sono anche gli investitori.

Giovedì sono state scambiate 28.22 milioni di azioni della società su 55,937 transazioni. Tale attività insolitamente intensa in genere suggerisce che gli investitori sono fiduciosi sulla direzione di un’azienda.

Ma Hession dice che ci sono alcuni motivi di preoccupazione, in particolare ad Atlantic City, dove l’operatore di gioco possiede tre dei sette casinò. E prima che il 2018 si concluda, è prevista l’apertura di altri due luoghi di gioco: l’Hard Rock e l’Ocean Resort.

Insieme all’Hard Rock e all’Ocean Resort, il proprietario di Showboat, un’ex proprietà del Caesars, sta deliberando di riaprire il casinò dell’hotel. Lo sviluppatore Bart Blatstein ha presentato i documenti di licenza iniziali alla Divisione di applicazione del gioco del New Jersey (NJDGE) il mese scorso.