Bellagio Rapina Perp muore dopo la sparatoria con la polizia, anche sospettato di precedente rapina

Un uomo che è entrato nell’affollata Bellagio nelle ore di punta venerdì sera e ha derubato la gabbia della sala da poker a mano armata è morto per le ferite riportate durante il successivo scontro con la polizia.

Secondo i rapporti della polizia, il rapinatore – che al momento della pubblicazione non era stato nominato – è entrato nel vivace casinò della Las Vegas Strip poco prima delle 9:30 ed è andato direttamente alla gabbia del poker, chiedendo soldi. È scappato con una somma di denaro non specificata attraverso le porte nord del casinò.

Una volta fuori, ha tentato di rubare un’auto, ma è stato interrotto dagli agenti di polizia. Si è girato e ha sparato almeno un colpo, colpendo un agente della metropolitana al petto. Un secondo ufficiale ha risposto al fuoco, colpendo l’uomo, anche nella zona del torace.

Il vicesceriffo della polizia metropolitana Kevin McMahill ha detto alla ABC News che l’agente di polizia è stato fortunato a sopravvivere. Il proiettile ha colpito il cellulare in tasca prima di rimbalzare sul giubbotto antiproiettile.

brulicante di polizia

Il sospettato non è stato così fortunato. La polizia ha detto sabato che è morto diverse ore dopo lo scontro a fuoco. Ha anche appena rapinato il casinò in un momento in cui brulicava di polizia.

La poker room del Bellagio è stata a lungo un punto di riferimento per alcuni dei più grandi giocatori del gioco. Il suo fulcro, Bobby’s Room, che prende il nome dall’ex campione del mondo Bobby Baldwin, è una calamita per i più grandi giochi della città.

Uomo invisibile?

McMahill ha detto che l’uomo è ora sospettato di una rapina simile nella sala da poker avvenuta nel novembre 2017, eseguita da un rapinatore che indossava bende sul viso, che ha portato la polizia a soprannominarlo “l’uomo invisibile”.

La più famigerata rapina al Bellagio, al di fuori di Ocean’s Eleven, è stata tuttavia commessa dal temerario truffatore Anthony Carleo, figlio di un ex giudice di Las Vegas. Carleo è salito su una motocicletta al parcheggio del casinò prima di rubare 1.5 milioni di dollari in fiches dai tavoli di craps high-stakes, è risalito in sella alla sua moto e si è precipitato nella notte.

In seguito Carleo si è registrato al Bellagio, dove ha vissuto e ha scommesso come un re sulle sue fiches rubate, godendosi stanze, pasti e bevande con biglietti omaggio come un high-roller. Ma la sua stravaganza ha attirato l’attenzione, e alla fine è stato arrestato mentre giocava d’azzardo sul pavimento del casinò dopo aver cercato di vendere diverse fiches da $ 25,000 a un agente di polizia sotto copertura. Attualmente sta scontando 16 anni di carcere.

Lascia un commento