Australiano arrestato in Cina per gioco d’azzardo online

Si ritiene che un uomo australiano sia tra le 52 persone arrestate in Cina la scorsa settimana per reati di gioco d’azzardo online, secondo il Revisione finanziaria australiana.

Gli arresti sono stati annunciati il ​​7 febbraio dall’agenzia di stampa ufficiale cinese Xinhua, anche se non sono stati riportati nomi di arrestati. Allo stesso modo, AFR, non ha rivelato l’identità del detenuto australiano, affermando semplicemente che era nato in Cina ma possedeva un passaporto australiano ed era stato arrestato a Jiangsu, una provincia costiera a nord di Shanghai.

Xinhua ha riferito che i membri del “gruppo di gioco d’azzardo online” sono stati arrestati durante i raid di oltre 200 poliziotti in 13 città, il culmine di un’operazione lanciata dagli investigatori a Shenyang, nel nord-est della Cina.

Due delle persone sono accusate di utilizzare server Internet in affitto per creare numerosi siti Web di gioco d’azzardo nel paese.

Storia precedente

La nazionalità dell’uomo è significativa perché gli australiani hanno “precedenti” quando si tratta di infrangere le leggi cinesi sul gioco d’azzardo. Nell’ottobre 2016, 19 dipendenti di Crown Resorts sono stati arrestati e alla fine accusati di aver commercializzato i servizi del gigante dei casinò australiano ai giocatori d’azzardo nella Cina continentale.

La maggioranza ha ricevuto pene detentive, tra cui tre australiani, uno dei quali, Jason O’Connor, era un dirigente della Corona.

L’incidente ha messo gravemente in imbarazzo Crown, spingendola a rivalutare completamente le sue strategie commerciali internazionali ea sottoporsi a una significativa ristrutturazione aziendale. Non ci sono suggerimenti, tuttavia, che l’uomo arrestato la scorsa settimana abbia qualche collegamento con Crown Resorts o qualsiasi altra società di gioco australiana.

Nuovo giro di vite da non confondere con il vecchio giro di vite

Alla fine del mese scorso, il viceministro del Ministero della Pubblica Sicurezza cinese, Huang Ming, ha annunciato un nuovo giro di vite sul gioco d’azzardo all’interno del paese, come se non ci fosse già stato un lungo giro di vite in corso da molti anni.

Ma questa repressione specifica ha un nuovo obiettivo. Huang ha affermato che le aree rurali sono diventate terreno fertile per il gioco d’azzardo illecito e ha ordinato alla polizia di prendere di mira le reti bancarie illegali che alimentano e prosperano grazie all’attività.

Ha anche annunciato una campagna per frenare il gioco d’azzardo durante le celebrazioni del capodanno cinese, che dovrebbero iniziare venerdì.

Brividi indiretti

Nel frattempo, l’app di messaggistica mobile dei social media più popolare della Cina, WeChat, ha avvertito gli utenti di non giocare d’azzardo sulla piattaforma durante le celebrazioni.

Le autorità di Macao hanno lottato per contenere la nuova tendenza per le “scommesse proxy” tramite WeChat, in cui i giocatori affamati di azione sulla terraferma scommettono su giochi reali che si verificano nei casinò dal vivo nel centro di gioco legale.

WeChat ha dichiarato il mese scorso di aver identificato oltre 2,300 gruppi di chat relativi al gioco d’azzardo illegale.