Accordo parasociale tra Steve Wynn e l’ex moglie invalidato dal giudice

Un patto parasociale tra Steve Wynn e l’ex moglie Elaine Wynn è stato invalidato da un giudice della Corte distrettuale della contea di Clark, emettendo un’ordinanza che respinge anche qualsiasi pretesa che Elaine Wynn potrebbe aver perseguito in un caso che vede Wynn Resorts contro Aruze USA.

Come risultato dell’ordine, i Wynn hanno ora la possibilità di vendere azioni di Wynn Resorts. Steve Wynn, l’ex presidente e amministratore delegato della società, detiene attualmente circa l’11.8 percento delle azioni della società, mentre Elaine Wynn detiene il 9.4 percento.

I regolatori potrebbero voler eliminare Steve Wynn

La capacità di Steve Wynn di vendere azioni della società potrebbe rivelarsi importante. Le autorità di regolamentazione del gioco del Nevada e del Massachusetts stanno attualmente conducendo indagini sull’idoneità di Wynn come proprietario. Sebbene Wynn non sia più nel consiglio di amministrazione della società, i regolatori potrebbero decidere che la sua quota significativa lo rende più influente negli affari della società di quanto i funzionari si sentano a proprio agio.

A Elaine è stata assegnata quasi la metà della partecipazione di Steve Wynn in Wynn Resorts nel 2010 in seguito al loro divorzio, ma il patto parasociale le ha impedito di avere il controllo sulle sue azioni. Nel 2016, ha dichiarato a un tribunale di aver accettato di lasciare che Steve Wynn mantenesse il controllo delle sue azioni in modo che potesse proteggere meglio il loro reciproco interesse nella società, che non sempre si allineava con quelli di Kazuo Okada e Aruze USA.

Elaine Wynn ha sostenuto che ciò non era più necessario una volta che la società aveva riscattato le azioni di Aruze, cosa che è avvenuta nel 2012. Ma Aruze USA faceva ancora parte dell’accordo tra azionisti.

La situazione è cambiata la scorsa settimana, quando un accordo da 2.4 miliardi di dollari tra Wynn Resorts e Universal Entertainment includeva un accordo di Aruze per non considerarsi parte dell’accordo degli azionisti, lasciando solo Elaine e Steve Wynn a contestare se dovesse essere ancora in vigore.

L’accordo tra l’ex coppia era una delle tante questioni ancora oggetto di contenzioso nel più ampio caso degli azionisti. La Corte Distrettuale della Contea di Clark dovrebbe ascoltare 20 ulteriori mozioni relative al caso venerdì mattina.

La decisione di vendere potrebbe plasmare il futuro dell’azienda

Steve Wynn si è dimesso dalla sua posizione di presidente e CEO di Wynn Resorts a febbraio a seguito di una serie di accuse di molestie sessuali e aggressioni sessuali contro di lui.

Wynn ha negato con veemenza tutte le affermazioni contro di lui e ha suggerito che Elaine Wynn ha cercato clandestinamente di rovinare la sua reputazione come parte di una campagna per ottenere un risultato più favorevole nella battaglia sul loro patto parasociale.

Se Steve o Elaine Wynn decidono di voler vendere le loro azioni, ci sono una serie di possibilità su come potrebbe andare a finire. È possibile che la stessa Wynn Resorts possa riacquistare parte di quelle azioni, piuttosto che consentirne la vendita sul mercato aperto.

Ciò potrebbe anche aiutare l’azienda a controllare meglio eventuali decisioni future su fusioni o acquisizioni, poiché grandi azionisti come Steve ed Elaine Wynn avrebbero attualmente un’influenza significativa su qualsiasi voto sul futuro dell’azienda.